Il mistero del colera ad Haiti

2378

Immagine 1 di 13

Haiti: era il 12 gennaio 2013


Il 12 gennaio del 2010 una violentissima scossa di terremoto radeva al suolo Port Au Prince, la capitale dell’isola caraibica di Haiti. Fu una vera e propria catastrofe: i morti furono oltre duecentomila. Il mondo decise di mandare aiuti. Nelle settimane seguenti arrivarono soccorritori da ogni parte con ospedali da campo, cibo, acqua, tutto il necessario per una popolazione stremata. Alcuni mesi dopo ad aggravare la situazione scoppiò un epidemia di colera con 650 mila persone colpite e 8 mila morti. Il fatto misterioso è che la malattia era praticamente sconosciuta ad Haiti. Di qui i sospetti, le accuse e un vero e proprio giallo internazionale. Continua a leggere

Un Angelo tra le macerie

“Tutte le case sono state distrutte. Qui abbiamo cominciato a dare cure mediche alle persone che hanno ferite ormai infette perché nessuno le cura. L’ospedale è completamente distrutto”. Angelo Rusconi ha 42 anni, è di Como ed è un logista ed esperto di potabilizzazione dell’acqua. Dal 2002 lavora per Medici Senza Frontiere. Ha svolto missioni praticamente in tutto il mondo, dall’Afghanistan alla Somalia, dalla Liberia al Niger, dal Pakistan all’Etiopia, dal Sudan ad Haiti. Ora è nelle Filippine devastate dall’Uragano Hayian. Questa è la sua testimonianza. Continua a leggere