Iraq: in fuga dalla guerra

Le fotografie che ho scattato nel campo profughi di Baharca, a pochi chilometri da Erbil, nel Kurdistan iracheno. E’ qui che arrivano quanti fuggono dall’avanzata dello Stato Islamico e questo è il campo visitato dal premier Matteo Renzi il 20 agosto. Nel caldo e nella polvere, ci vivono 3 mila sfollati, in tende frustate dal vento oppure in spazi delimitati da teli sotto un grande capannone di cemento. Marzio Babille dell’Unicef è il responsabile delle Nazioni Unite per l’Iraq. Lo abbiamo intervistato.

“In questo campo ci sono circa tremila persone, Questo campo nasce come campo per i profughi siriani, è stato poi riadattato quando i profughi siriani hanno trovato una collocazione, ed è diventato un campo di transito. Qui sono arrivati quanti sono scappati da Mosul, alcune famiglie yazide e cristiani”.

Da quanto tempo sono qui?

“C’è un grande movimento di popolazione, questa è la caratteristica di questa crisi. Un grande movimento di gente tra i campi di transito e altri luoghi di riaggregazione su base etnico religiosa”.

Di che cosa c’è più bisogno in questi giorni?

“C’è bisogno di campi. I rifugiati sono duecentocinquanta mila, troppi. La copertura delle Nazioni Unite è del 30, 31 per cento e noi abbiamo bisogno di campi prima che arrivi l’inverno. questo richiede un grande sforzo bilaterale da parte dei governi. Il governo turco ha già preso impegni per realizzare tre campi”.

E l’Italia cosa può fare?

“Anche l’Italia può fare una grande parte. Un campo da diecimila persone con servizi costa cinque milioni di dollari. Secondo me si può fare.”

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *