Addio Camille, fotoreporter uccisa a 26 anni in Africa

Questo articolo è dedicato ad una ragazza dai grandi occhi curiosi, che in 26 anni di vita hanno visto orrori e sofferenze che la maggior parte della gente non vedrà mai. Quegli occhi guardavano dove altri si voltavano dall’altra parte. Per testimoniare, per raccontare quello che spesso il mondo vuol dimenticare o fa finta di non vedere. Camille lo faceva con le fotografie.

Camille Lepage era nata ad Angers, in Francia, nel 1988. Aveva studiato giornalismo in Inghilterra all’Università inglese di Southampton e appena laureata, nel 2012, si era trasferita a Juba in Sud Sudan, per raccontare con le sue fotografie il dramma di quel paese. Poi aveva deciso di spostarsi nella Repubblica Centrafricana sconvolta da una terribile guerra civile. Come quasi tutti i fotoreporter agli inizi della loro carriera, Camille era una freelance ed era molto brava: le sue immagini sono state pubblicate da Le Parisien, Le Monde, New York Times, Sunday Times, Guardian e altre testate tra le più importanti del mondo.

In un’intervista aveva detto: “non posso accettare che certe tragedie vissute da alcune persone vengano tenute sotto silenzio perché nessuno può farci dei soldi. Così ho deciso di fare da sola, di portarle alla luce, non importa a che prezzo”. Il prezzo per lei è stata la sua giovane vita. L’hanno uccisa il 13 maggio in un imboscata in un villaggio della Repubblica Centroafricana a pochi chilometri dal confine con il Camerun. Stamane nella cattedrale della sua cittadina natale l’ultimo addio degli amici e dei suoi familiari.

Qui il suo sito e l’intervista a Petapixel:
http://camille-lepage.photoshelter.com/#!/index
http://petapixel.com/2013/10/22/hidden-world-south-sudan-interview-photojournalist-camille-lepage/

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

6 risposte a “Addio Camille, fotoreporter uccisa a 26 anni in Africa

  1. certe persone rappresentano uno spiraglio di luce in un mondo pieno di tenebra….ognuno di noi preso dal quotidiano dovrebbe fermare il proprio attimo e riflettere su cio’ che ha fatto di modo che il suo esempio possa incorraggiarci a cercare sempre e comunque la verità a favore dei più deboli….possa ora godere di luce propria e divina ovunque sia….grazie camille

  2. Una breve vita, ma vissuta con intensità’, perseguendo con tenacia i propri obiettivi. Non si è’ grandi soltanto compiendo grandi atti, ma sacrificando ogni giorno una parte di se’ stessi, con impegno e tenacia. Piccola, grande eroina dei tempi moderni, vissuti da molti soltanto alla ricerca di una felicità’ effimera. Una vita spezzata troppo presto ma che vale cento volte di più di altre inutili e vuote esistenze. Grazie per avercelo ricordato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *